fbpx
Title Image

Il gatto orfano

Il gatto orfano

Tanti consigli per una crescita sana

“L’accudimento di un orfano si basa sulla cura di ciascun suo bisogno: fisiologico e affettivo.”

Per problemi di salute o maltrattamenti, i gattini si trovano senza il sostegno della propria madre diventando orfani a solo pochi giorni di vita.

Oltre ad applicare una serie di buone prassi di salute fisica per permettere la sopravvivenza dei piccoli, bisogna anche pensare a delle buone prassi comportamentali che gli permetteranno di diventare gatti adulti sani psicoemotivamente.

Un orfano, come qualunque cucciolo di uomo e animale sociale, ha bisogno di una base sicura, quindi è necessaria la presenza di una mamma “surrogata”, o/e almeno di un gatto adulto prosocievole e premuroso.

Le persone che adottano l’orfano dovranno provvedere a sostituirsi alla mamma, attraverso dei comportamenti specifici, in modo da gettare le fondamenta per una cura e sicurezza che durerà tutta la vita.

Ecco alcuni semplici consigli per il primo mese:

  • Preferire un accudimento a contatto diretto nelle prime settimane, posizionando il piccolo all’interno di un marsupio a stretto contatto corporeo con la mamma umana.
  • Accarezzare il gattino con movimenti lineari come se fosse la “leccata” della mamma; questo non solo ha una valenza igienica ma stimola la sua percezione corporea.
  • Farlo interagire con altri gatti o anche cani che possano occuparsi di lui. La famiglia che accoglie gatti orfani è preferibile che abbia animali maschi e/o femmine che grazie alla loro motivazione epimeletica siano portati alla cure del piccolo.
  • Mantenere l’orfano in un contesto comunque sereno, evitando troppi caos.
  • Occuparsi della stimolazione alle eliminazioni, attività necessaria le prime settimane di vita.
  • Mantenerlo sempre al caldo perché non può termoregolarsi.
  • Non isolare mai l’orfano.
  • Dargli l’alimentazione con un biberon adeguato sempre tenendolo vicino al tuo corpo con un angolazione di 45°.

Questi principi saranno utili per far diventare il gattino un futuro gatto sano, nella mente e nel corpo. A breve impareremo qualche consiglio utile dal primo mese in poi.
Se hai bisogno di una consulenza  per il tuo gattino o ormai gatto adulto puoi contattarci.

Simona Cao, Presidente Cooperativa Killia e Veterinario Esperto in Comportamento 

Condividi su:

Acconsentendo col tasto "Accetto" o proseguendo nella navigazione all'interno del sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte del nostro sito come definito nella relativa Cookie Policy Leggi Cookie Policy completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi