fbpx
Title Image

Gatti Orfani: accompagnarli sino all’adozione

Animali | Gatti consigli sino all'adozione

Gatti Orfani: accompagnarli sino all’adozione

Gatti orfani: dai due mesi all’adozione, cosa fare?

“Una delle funzioni essenziali della madre consiste nell’introdurre il mondo a piccole dosi”.

Proseguiamo il nostro percorso nella crescita di un gattino orfano iniziato dai primi giorni e nella conoscenza dei suoi bisogni dal primo mese in poi. In questo periodo la mamma surrogata deve diventare una sicurezza sociale ed ambientale, per tutte le nuove esperienze.
Essere base sicura ora significa accompagnare il gattino nella sua crescita attraverso la protezione e l’educazione.

Alcuni consigli per il secondo mese

  • Arricchire l’ambiente con oggetti naturali ma anche di uso comune casalingo.
  • Permettere una conoscenza di rumori di uso casalingo.
  • Garantire un contatto con più persone in modo spontaneo e non forzato.
  • Inserire una lettiera con sabbietta fine (consigliata la biodegradabile), appena inizia a camminare, rendendola accessibile, se possibile fargli vedere come usarla attraverso l’imitazione di un altro gatto, se no supportalo in questo apprendimento.
  • Permettergli una socializzazione con altri gatti e/o cani, o altri animali di famiglia o conoscenti.
  • Aiutare l’orfano nell’esplorazione del territorio e nella conoscenza del mondo, mantenendo una sicurezza nei movimenti e nell’approccio.
  • Progettare un appartamento per lui, prendendo simpatici spunti da questo link: percorsi per gatti.
  • Dargli da mangiare piccoli pasti più volte al giorno, anche utilizzando giochi cognitivi.
  • Giocare con il gattino attraverso giochi di varia tipologia, evitando l’utilizzo del nostro corpo, comprese mani, braccia e gambe.
  • Continuare un accudimento alla carezze in modo sempre spontaneo, bloccandosi se il gattino manifesta però comportamenti di morsicatura, anche se lievi.

 

Un’esclusione di questi principi di crescita potrà causare una instabilità pedagogica, che porterà il gattino a diventare un futuro gatto terrorizzato; senza autocontrolli e regole, senza capacità comunicative sociali.
Dai 2-3 mesi il gattino sarà pronto per un adozione.

Se hai bisogno di una consulenza per il tuo gattino o ormai gatto adulto contattaci.

Simona Cao, Presidente Cooperativa Killia e Veterinario Esperto in Comportamento 

Condividi su:

Acconsentendo col tasto "Accetto" o proseguendo nella navigazione all'interno del sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte del nostro sito come definito nella relativa Cookie Policy Leggi Cookie Policy completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi