fbpx

Docu-film No Pet – Liberi e Randagi

La Soc.Coop. rl Killia, in collaborazione con l’associazione Gli Invisibili Sardegna, presenta in anteprima assoluta un interessante docu-film che, con stile ironico ed evocativo e attraverso immagini di vita di cani, cagne, donne, uomini e altri animali, propone un’importante riflessione sul tema del randagismo ma anche su quello più generale della libertà.

Considerare la presenza dei cani liberi sul territorio alla stregua di una vera e propria piaga sociale ha portato alla messa in atto di una lotta ai randagi.

Seguendo lo schema d’intervento dettato dalle istituzioni, gli stessi “amanti dei cani” inscenano una repressione sistematica a danno della specie che più da vicino si è coevoluta con l’umanità. Ogni cane deve essere accalappiato, sterilizzato e confinato a un’esistenza nei box del canile o nelle gabbie dorate delle nostre case, perdendo la possibilità di creare e confrontarsi all’interno delle proprie comunità.

Una repressione che rappresenta un paradossale sodalizio con coloro che intendono ripulire le strade da ogni categoria d’indesiderati, decretando il trionfo del possesso individuale e legandosi a doppio filo alla crescita degli interessi della fiorente industria del “pet”.

Eppure i randagi continuano a resistere e a suggerire, a occhi attenti e solidali, una profonda riconsiderazione dell’organizzazione sociale umana, evidenziando un epocale problema politico laddove le civiltà antropocentriche pongono le fondamenta dei propri valori autoreferenziali.

Per concludere, segnaliamo che il film, realizzato da Davide Majocchi, attivista antiautoritario antispecista, da decenni volontario e operatore di canile, ha ricevuto il sostegno dell’associazione antispecista Oltre la specie e l’ispirazione costante data dal collettivo resistenzanimale.org.

 

No Pet – Liberi e randagi

 

R.: Davide Majocchi. Mont.: Antonella Grieco. Musiche: Giona Vinti. Int.: Michele Minunno, Fabio Santa Maria, Susan McHugh, Giuseppe Bucalo. Produzione: associazione Oltrelaspecie. Italia, 2018, 63’.

 

Un film incentrato sull’annosa questione randagi (e non solo…) che con uno stile ironico ed evocativo propone un approfondimento del tema, sullo scorrere di immagini di vita di cani cagne donne uomini e altri animali.

Le riprese effettuate fra Puglia, Sicilia e resto del mondo sparso s’intrecciano a stralci d’interviste all’educatore cinofilo Michele Minunno, all’attivista/scrittore dei Troglodita Tribe Fabio Santa Maria, alla ricercatrice universitaria Susan McHugh e all’operatore antipsichiatrico Giuseppe Bucalo.

 

Alla proiezione seguirà un forum conclusivo nel quale verranno discussi i temi affrontati nella proiezione.

 

Condividi su:

Acconsentendo col tasto "Accetto" o proseguendo nella navigazione all'interno del sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte del nostro sito come definito nella relativa Cookie Policy Leggi Cookie Policy completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi