fbpx
 

Chi può fare Pet Therapy: Le EAA

Chi può fare Pet Therapy: Le EAA

EAA: Figure e requisiti richiesti

Prima di tutto occorre spiegare cosa sia un’Educazione Assistita con gli animali: è un Intervento di tipo educativo che ha il fine principale di: promuovere, attivare e sostenere le risorse e le potenzialità di crescita e progettualità individuale; di relazione ed inserimento sociale delle persone in difficoltà.

L’intervento (svolto anche in gruppo) promuove il benessere delle persone nei propri ambienti di vita; nello specifico, all’interno delle istituzioni in cui l’individuo dovrà mettere in campo capacità di adattamento. L’EAA contribuisce a:

  • migliorare la qualità di vita della persona;
  • rinforzare l’autostima del soggetto coinvolto.

 

Grazie alla mediazione degli animali domestici, vengono inoltre attuati percorsi di rieducazione comportamentale. L’EAA trova quindi applicazione in diverse situazioni quali, ad esempio:

  • prolungata ospedalizzazione o ripetuti ricoveri in strutture sanitarie;
  • difficoltà dell’ambito relazionale nell’infanzia e nell’adolescenza;
  • disagio emozionale e psicoaffettivo;
  • difficoltà comportamentali e di adattamento socio-ambientale;
  • situazioni di istituzionalizzazione di vario tipo (istituti per anziani e per pazienti psichiatrici, residenze sanitarie assistenziali, comunità per minori, carceri, ecc.);
  • condizioni di malattia e/o disabilità che prevedano un programma di assistenza domiciliare integrata.

 

In questo specifico caso, oltre al veterinario esperto in IAA e il coadiutore dell’animale come abbiamo già visto sono sempre presenti, ci sono altre due figure richieste:

  1. Responsabile di progetto: coordina l’équipe nella definizione degli obiettivi del progetto, delle relative modalità di attuazione e valutazione degli esiti. È un pedagogista, educatore professionale, psicologo o psicologo-psicoterapeuta.
  2. Referente di intervento in EAA: prende in carico la persona durante la seduta ai fini del raggiungimento degli obiettivi del progetto. Il responsabile di progetto, per tale ruolo, individua una figura professionale in possesso di diploma di laurea triennale (o titolo equipollente) in ambito socio sanitario, psicologico o educativo oppure in possesso di documentata esperienza e competenza in relazione agli obiettivi del progetto stesso, assumendosene la responsabilità. Ad esempio il responsabile può individuare, per questo ruolo, un OSS o un laureato in scienze motorie.

Se ti sei perso gli articoli precedenti puoi trovarli qua: Chi può fare pet therapy , le AAA.

Diana Spinelli, Psicologa Killia



Acconsentendo col tasto "Accetto" o proseguendo nella navigazione all'interno del sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte del nostro sito come definito nella relativa Cookie Policy Leggi Cookie Policy completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi