Capodanno ed i botti: consigli utili

Capodanno ed i botti: consigli utili

Divertimento, condivisione, rispetto, felicità… senza i botti si può…

Come ogni anno, in questo periodo iniziano i botti, in tanti comuni le amministrazioni impongono il divieto, ma ci sono tante persone che continuano ad usarli come puro mezzo di divertimento.

Ci sono due strade diverse per aiutare il nostro cane.

1)        Rimedio definitivo: lavorare sulla fiducia del cane in se stesso e sulla sua autostima, creando una corretta base sicura con i famigliari in modo che lo aiutino a superare le sue paure. Questo training permette una stabile e duratura risoluzione del problema perché agisce alla base dello stato psicoemotivo del cane, ma richiede un impegno da parte dei proprietari: impegno emotivo e di tempo. Ogni cane può acquisire attraverso un adeguato percorso riabilitativo il recupero delle sue fobie, affiancandosi ad una base sicura famigliare. I botti potranno in questo caso far paura ma non terrore.

2)        Rimedio del momento:

– Non lasciamo il cane da solo ma rimaniamo a casa con lui sistemando una morbida e calda cuccia sempre vicino a noi.

– Teniamo il cane vicino a noi, nei momenti in cui è in panico, e se lo riteniamo necessario abbracciamolo. Solo se abituato utilizziamo delle bende o magliette, per contenere il suo stato emotivo.

– Aiutiamolo con vari prodotti naturali e parafarmaci come i Fiori di Bach (Rescue Rimedy preparato con aceto di mele), Emergency Pet con i Fiori Australiani, Adaptil collare e diffusore e in pastiglie (prodotti con feromoni appaganti), aromaterapia (lavanda o arancio amaro).

– Ancora meglio se il veterinario conosce il nostro cane e ci prescrive una terapia ad hoc per il suo profilo comportamentale con l’omotossicologia e la floriterapia.

E se il veterinario esperto in comportamento, lo ritiene necessario, affidiamoci a lui anche per la prescrizione di psicofarmaci convenzionali, non sono sicuramente un rimedio definitivo ma almeno supportano il cane nel momento in cui è in stato d’ansia.

– Evitiamo di uscire a passeggio nelle ore notturne, andiamo sempre in zone conosciute con pettorina ad H e guinzaglio lungo massimo 1 metro e mezzo. Non sgridiamolo se si spaventa ma rassicuriamolo senza però enfatizzare l’evento traumatico.

– Evitiamo assolutamente di lasciare il cane solo in una stanza, o ancor peggio in giardino o in balcone.

– Incentiviamo il non utilizzo di spari e botti per divertirsi, ci sono sicuramente metodi alternativi per passare un buon Capodanno.

Se volete un consiglio personalizzato contattateci a info@killia.it

 



Acconsentendo col tasto "Accetto" o proseguendo nella navigazione all'interno del sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte del nostro sito come definito nella relativa Cookie Policy Leggi Cookie Policy completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi